Federico Motta Editore: la tradizione culinaria italiana e le sue antiche origini

Durante il lockdown, molti italiani hanno riscoperto la passione per la genuinità della nostra tavola, sperimentando in cucina con ricette della tradizione. L’attenzione di noi italiani per la buona tavola ha però origini antichissime: già nel Cinquecento le nostre abitudini a tavola erano un punto di riferimento per le corti europee.
Di questo argomento ha parlato di recente anche Federico Motta Editore, con un articolo pubblicato sul sito ufficiale. Per approfondire la storia della cucina italiana, la Casa Editrice consiglia il saggio di Alberto Capatti, all’interno del volume Il Cinquecento sull’Età Moderna, pubblicato da Federico Motta Editore e a cura di Umberto Eco.
I banchetti di signori, papi e principi erano estremamente ricchi, costituiti da quattro a sette servizi, ciascuno dei quali con almeno dodici portate diverse. Il servizio iniziale e quello finale, denominati “di credenza”, erano a base di piatti freddi quali insalate, salumi, torte, pasticci, frutta, caci. I servizi centrali “di cucina” erano invece composti dai piatti caldi come maccheroni, carni, pesci e frittate. I commensali venivano intrattenuti tra un servizio e l’altro da danze, musiche e improvvisazioni comiche. Anche la tavola dei più poveri era piuttosto varia, costituita soprattutto da prodotti locali: il consumatore era anche il produttore stesso delle pietanze, che spaziavano dalle carni degli animali allevati in casa ai prodotti dei campi. Il letterato Ortensio Lando e il filosofo francese Michel de Montaigne ci hanno fornito preziose testimonianze sulle usanze culinarie italiane nel Cinquecento.

Per maggiori informazioni:
http://www.mottaeditore.it/2020/06/il-lockdown-e-la-tradizione-culinaria-italiana/

Fonte Federico Motta Editore: la tradizione culinaria italiana e le sue antiche origini su Cultura360.

Cultura360

Related Posts

Ricci: “Impossibile lavorare, negati ai cittadini servizi come mobilita’ ed istruzione”

Commenti disabilitati su Ricci: “Impossibile lavorare, negati ai cittadini servizi come mobilita’ ed istruzione”

Giovanni Lo Storto: “Scuola-lavoro, binomio per crescere”

Commenti disabilitati su Giovanni Lo Storto: “Scuola-lavoro, binomio per crescere”

L’economia alla rovescia. L’ingiustizia di dover iscrivere alla voce “debito” quel che è ricchezza per il popolo

Commenti disabilitati su L’economia alla rovescia. L’ingiustizia di dover iscrivere alla voce “debito” quel che è ricchezza per il popolo

Giovanni Lo Storto: Festa Luiss col progetto “Academy”

Commenti disabilitati su Giovanni Lo Storto: Festa Luiss col progetto “Academy”

FME Education: il progetto MyEdu selezionato dal Comune di Firenze per portare il digitale nelle scuole

Commenti disabilitati su FME Education: il progetto MyEdu selezionato dal Comune di Firenze per portare il digitale nelle scuole

Parrucchieri: Una professione emergente e in evoluzione, che appaga e affascina, un mercato rilevante per il PIL, ma in pochi lo sanno

Commenti disabilitati su Parrucchieri: Una professione emergente e in evoluzione, che appaga e affascina, un mercato rilevante per il PIL, ma in pochi lo sanno

Scuola: in arrivo 24mila assunzioni

Commenti disabilitati su Scuola: in arrivo 24mila assunzioni

Smart learning per smart worker: il processo di apprendimento al tempo del coronavirus

Commenti disabilitati su Smart learning per smart worker: il processo di apprendimento al tempo del coronavirus

Lino Banfi alla LUM di Emanuele Degennaro: incontro con gli studenti

Commenti disabilitati su Lino Banfi alla LUM di Emanuele Degennaro: incontro con gli studenti

Almo Collegio Borromeo partner istituzionale del Master in cooperazione e sviluppo

Commenti disabilitati su Almo Collegio Borromeo partner istituzionale del Master in cooperazione e sviluppo

Federico Motta Editore: la fotografia di Werner Bischof, tra guerra e mondi lontani

Commenti disabilitati su Federico Motta Editore: la fotografia di Werner Bischof, tra guerra e mondi lontani

Il crollo delle scuole professionali, in 16 anni metà iscritti

Commenti disabilitati su Il crollo delle scuole professionali, in 16 anni metà iscritti

Create Account



Log In Your Account