Nyepi Day: il capodanno balinese

Nyepi Day: il capodanno balinese

Nyepi Day: il capodanno balinese

L’Indonesia è un eden naturale, l’arcipelago del sud-est asiatico è diventato ormai la meta preferita dagli amanti della natura selvaggia: vulcani, spiagge incontaminate, cascate e fitte foreste accolgono ogni anno migliaia di turisti. 

Nel cuore dell’Indonesia è situata Bali, un’isola circondata da una fitta vegetazione tropicale che non offre soltanto mare e spiagge bianche, ma è anche ricca di cultura e tradizioni popolari. Una delle tradizioni e feste più importanti e sacre di Bali è il capodanno: la celebrazione ha una durata di sei giorni durante i quali gli induisti (l’induismo è la religione prevalente a Bali, mentre nell’intera Indonesia la maggiorparte della popolazione pratica l’islam) si dedicano ai rituali, alle offerte, al silenzio e all’introspezione. La festività segue il calendario balinese e quindi ogni anno cade in giorni diversi, ma comunque è celebrata tra i mesi di marzo e aprile. 

I festeggiamenti hanno appunto una durata di sei giorni, ma il vero capodanno è celebrato il terzo giorno: Nyepi Day. Il primo giorno è sostanzialmente dedicato a diversi rituali di offerta. Durante il secondo giorno invece la popolazione balinese sacrifica animali quali galline, maiali, anatre e in alcuni casi anche mucche, dopodiché le strade si popolano di enormi statue realizzate in bambù (ogoh-ogoh) che simboleggiano demoni ed elementi negativi. Terminata la processione le statue vengono bruciate per cacciare le influenze negative dall’isola. 

Dopo giorni tutt’altro che silenziosi arriva Nyepi, la giornata dedicata al silenzio, alla meditazione e all’introspezione: il terzo giorno l’intera isola si ferma per ventiquattro ore, tutti i negozi e ristoranti chiudono, le spiagge sono vietate, l’aeroporto internazionale non effettua voli, non ci si può spostare, chiunque è obbligato a restare in casa (turisti compresi) ed è anche vietato l’utilizzo dell’elettricità. Nessuno può uscire in strada e i vigilanti controllano che le regole vengano rispettate da tutti. In questo modo ci si può dedicare alla preghiera, alla meditazione e al digiuno e riflettere sui valori personali come amore, verità, pazienza, gentilezza e generosità. La giornata del Nyepi inizia alle 6 del mattino e termina alle 6 del mattino successivo.  

Il giorno seguente al Nyepi i balinesi fanno visita agli amici, ai parenti e ai vicini per scambiarsi il perdono (Ngembak Agni/Labuh Brata), durante i due giorni successivi altri rituali e festival segnano la chiusura di questi sei giorni sacri. Nel 2020 la celebrazione è iniziata il 25 marzo, quest’anno il 14 marzo e nel 2022 si terrà il 3 marzo.    

artecultura

Related Posts

Progetto “Legalità e Merito nelle scuole”: l’intervista del “Corriere della Sera” a Paola Severino

Commenti disabilitati su Progetto “Legalità e Merito nelle scuole”: l’intervista del “Corriere della Sera” a Paola Severino

Giovanni Lo Storto: il DG dell’Università Luiss curatore del volume sull’etica digitale

Commenti disabilitati su Giovanni Lo Storto: il DG dell’Università Luiss curatore del volume sull’etica digitale

Elisabetta Ripa: Open Fiber-ELIS, inaugurata area didattica per giuntisti di fibra ottica

Commenti disabilitati su Elisabetta Ripa: Open Fiber-ELIS, inaugurata area didattica per giuntisti di fibra ottica

Federico Motta Editore: l’origine della musica elettronica

Commenti disabilitati su Federico Motta Editore: l’origine della musica elettronica

Smart learning per smart worker: il processo di apprendimento al tempo del coronavirus

Commenti disabilitati su Smart learning per smart worker: il processo di apprendimento al tempo del coronavirus

Strumenti e-learning gratuiti, “Striscia La Notizia” consiglia la piattaforma di FME Education

Commenti disabilitati su Strumenti e-learning gratuiti, “Striscia La Notizia” consiglia la piattaforma di FME Education

Federico Motta Editore: il focus su Hong Kong

Commenti disabilitati su Federico Motta Editore: il focus su Hong Kong

Innovatori 2021, Andrea Prencipe: bisogna mantenere l’eredità storica dell’educazione ma adattarla al nuovo mondo digitale

Commenti disabilitati su Innovatori 2021, Andrea Prencipe: bisogna mantenere l’eredità storica dell’educazione ma adattarla al nuovo mondo digitale

Gianpietro Benedetti: l’orientamento è la leva strategica per il futuro dei giovani

Commenti disabilitati su Gianpietro Benedetti: l’orientamento è la leva strategica per il futuro dei giovani

Carlo Malinconico: i giornali vivranno ma in forma nuova

Commenti disabilitati su Carlo Malinconico: i giornali vivranno ma in forma nuova

leave a comment

diciannove + tre =

Create Account



Log In Your Account