10 anni di Fondazione FS: intervista al Direttore Generale Luigi Cantamessa

Luigi Cantamessa

Valorizzare le ferrovie italiane non solo come mezzo di trasporto ma anche come patrimonio storico, culturale, tecnologico e sociale. È ciò che ha fatto Fondazione FS italiane fin dalla sua istituzione nel 2013. Un “seme germogliato che è diventato albero, ma protagonista in realtà è quel fenomeno unico che è la ferrovia”. A fare un bilancio dei 10 anni della Fondazione è il Direttore Generale Luigi Cantamessa in un’intervista rilasciata a “Mobility Magazine”.

Ingegnere cresciuto in FS, ha guidato la Fondazione facendosi promotore di progetti come “Binari senza tempo”, che ha portato alla riapertura di quasi 1.000 km di linee ferroviarie secondarie, storiche e turistiche, o ancora il rilancio del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa. Per il manager la ferrovia può essere considerata al pari di un monumento, capace quindi di raccontare la storia dell’Italia e dei suoi abitanti, stimolare la creatività e l’innovazione e favorire l’incontro e il dialogo tra le persone. Ecco perché in questi dieci anni la priorità dell’ente è stata quella di cambiare la percezione, “far uscire la ferrovia da quel vicolo stretto e buio” e far germogliare nelle persone l’idea che degrado e abbandono non fossero l’unica alternativa: “Tutto ciò ha poi incrociato il fenomeno del rilancio del ruolo della cultura proprio per determinare i flussi turistici. Si è ritornati ad un’esperienza più matura del viaggio, e il treno a questo riguardo ha davvero milioni di carte da giocare, basti pensare a cosa può provare un cittadino dell’Ohio o del Qinghai scendendo alla stazione ferroviaria di Venezia”.

Fondamentale nel rilancio del patrimonio ferroviario la collaborazione che Fondazione FS è riuscita a stabilire con i territori e le istituzioni locali. Il Direttore Generale porta l’esempio del Treno di Dante, il treno storico con carrozze Corbellini che durante l’estate compie la tratta Firenze S.M. Novella-Ravenna passando per Faenza, alla scoperta delle terre del padre della lingua italiana: “Un modello così andrebbe esportato ovunque, specie sulle ex ferrovie concesse dove il turismo ferroviario sarebbe un’autentica miniera d’oro per i territori”. Il segreto del successo – testimoniato anche dagli oltre 200.000 followers sui social e dall’enorme numero di condivisioni e recensioni entusiastiche presenti in rete – è da attribuire alla capacità di Fondazione FS di riconoscere la ferrovia come vincolo tecnico e soprattutto ricordare che ogni viaggio inizia e si conclude in stazione: “L’altro elemento importante – conclude Luigi Cantamessaè ricordare che la ferrovia trasporta persone e anime: e le persone si ricordano del rapporto che hanno vissuto col treno, di quanto di bello o di brutto hanno ricevuto. Questa onda di “ritorni” verso il treno storico, turistico, ma anche a prodotti che si davano per estinti come i treni notte, poteva essere una sorpresa per qualcuno, ma certo non per me: e questo è l’unico, vero merito che mi riconosco”.

Fonte 10 anni di Fondazione FS: intervista al Direttore Generale Luigi Cantamessa su Cultura360.

staff

Related Posts

Fabio Inzani: il ruolo di Tecnicaer e Consorzio Mythos nella costruzione del complesso scolastico di Liscate

Commenti disabilitati su Fabio Inzani: il ruolo di Tecnicaer e Consorzio Mythos nella costruzione del complesso scolastico di Liscate

Giovanni Lo Storto: “Scuola-lavoro, binomio per crescere”

Commenti disabilitati su Giovanni Lo Storto: “Scuola-lavoro, binomio per crescere”

Scuola: Mef, via libera assunzione oltre 53.000 docenti

Commenti disabilitati su Scuola: Mef, via libera assunzione oltre 53.000 docenti

Nel libro di Andrea Prencipe e Massimo Sideri “il metodo Calvino”: gli opposti che fanno luce sul futuro

Commenti disabilitati su Nel libro di Andrea Prencipe e Massimo Sideri “il metodo Calvino”: gli opposti che fanno luce sul futuro

Il fedele ritratto del Novecento nell’opera edita da Federico Motta Editore

Commenti disabilitati su Il fedele ritratto del Novecento nell’opera edita da Federico Motta Editore

“Piano Scuola 4.0”, FME Education: il ruolo del digitale nel processo di formazione

Commenti disabilitati su “Piano Scuola 4.0”, FME Education: il ruolo del digitale nel processo di formazione

Why books matter right now, and which ones you should read

Commenti disabilitati su Why books matter right now, and which ones you should read

Il crollo delle scuole professionali, in 16 anni metà iscritti

Commenti disabilitati su Il crollo delle scuole professionali, in 16 anni metà iscritti

Giovanni Lo Storto: Festa Luiss col progetto “Academy”

Commenti disabilitati su Giovanni Lo Storto: Festa Luiss col progetto “Academy”

Compiti per le vacanze: gli strumenti di FME Education

Commenti disabilitati su Compiti per le vacanze: gli strumenti di FME Education

Smart learning per smart worker: il processo di apprendimento al tempo del coronavirus

Commenti disabilitati su Smart learning per smart worker: il processo di apprendimento al tempo del coronavirus
ghjghjgh

Create Account



Log In Your Account