Lo stato dell’arte… dell’arte

mostra-benetton_980x571

Nord e Sud, Occidente e Oriente, Paesi storicamente contrapposti e divisi dialogano tra loro in nome dell’Arte. È l’obiettivo, centrato, de «La Mappa dell’arte nuova», la mostra collettiva voluta da Luciano Benetton che prende il via a Venezia e che guarda ai nuovi orizzonti artistici.

Più di 40 paesi e 6.930 artisti per Imago Mundi, progetto artistico globale di Luciano Benetton che, in concomitanza con il Festival del Cinema, presenta l’esposizione Mappa dell’arte nuova, ospitata alla Fondazione Giorgio Cini, sull’incantevole Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia.

Artisti affermati e promesse, giovani e non, donne e uomini, tutti affiancati sulla stessa linea di partenza. E tutti coinvolti in modo volontario e senza fini di lucro. L’obiettivo?  Raccogliere lo stato dell’arte… dell’arte.

«Questa mostra ha un significato molto speciale», sottolineaLuciano Benetton. «La vastità di artisti presenti riproduce in un certo senso il mondo ideale che vorrei. Un mondo senza confini e senza barriere politiche, ideologiche o religiose. Dove si lavora per il bello. E dove libertà e diversità di espressione sono vissute come una grande ricchezza. Fosse per gli artisti, come dico spesso, non ci sarebbero guerre. Per questo ogni nuovo autore, collezione, popolo, nazione di Imago Mundi aggiunge una tessera creativa e appassionata a quella mappa dell’arte nuova che auspichiamo possa comprendere anche i luoghi dell’Utopia, della speranza e della pace».
La mostra, che apre i battenti martedì 1° settembre, si prolungherà fino al 1° novembre e accoglierà i visitatori con un’imponente installazione progettata dall’architetto Tobia Scarpa e formata da cinque bandiere segnavento, in rappresentanza dei cinque continenti.

All’interno, invece, si trovano 6.930 opere in un unico formato – 10×12 centimetri – provenienti da oltre 40 paesi diversi a formare un mosaico di storie, passioni, sogni, azioni e contraddizioni delle culture umane.

Entro al fine dell’anno le Nazioni e i popoli nativi coinvolti nel progetto saranno 100, più di 20.000 gli artisti. Imago Mundi li promuove internazionalmente attraverso i cataloghi, il sito internet e la partecipazione a rassegne ed esposizioni, in collaborazione con istituti privati e pubblici, in tutto il mondo.

Fonte

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Fonte Lo stato dell’arte… dell’arte su Cultura360.

ARTE & CULTURA

Related Posts

Giuseppe Recchi: “Il restauro del Mausoleo di Augusto restituisce al pubblico uno dei monumenti più importanti dell’umanità”

Commenti disabilitati su Giuseppe Recchi: “Il restauro del Mausoleo di Augusto restituisce al pubblico uno dei monumenti più importanti dell’umanità”

Mario Putin con Serenissima Ristorazione sponsor della seconda tappa del progetto “Egitto Pompei”

Commenti disabilitati su Mario Putin con Serenissima Ristorazione sponsor della seconda tappa del progetto “Egitto Pompei”

Oslo: il più grande museo della regione nordica aprirà a giugno 2022

Commenti disabilitati su Oslo: il più grande museo della regione nordica aprirà a giugno 2022

In viaggio la musica cambia: UVET Personal Travel Specialist lancia la propria Playlist

Commenti disabilitati su In viaggio la musica cambia: UVET Personal Travel Specialist lancia la propria Playlist

Shopping e cultura a New York

Commenti disabilitati su Shopping e cultura a New York

Diavolesse, Petite Messe e tanta musica barocca: torna ‘Vicenza in lirica’ al Teatro Olimpico

Commenti disabilitati su Diavolesse, Petite Messe e tanta musica barocca: torna ‘Vicenza in lirica’ al Teatro Olimpico

Parigi, Roma e Genova omaggiano la messicana Frida Kahlo

Commenti disabilitati su Parigi, Roma e Genova omaggiano la messicana Frida Kahlo

Gregorio Fogliani esprime il proprio punto di vista sul tema dello spreco alimentare

Commenti disabilitati su Gregorio Fogliani esprime il proprio punto di vista sul tema dello spreco alimentare

Carlo Malinconico: le ragioni del SI al Referendum Costituzionale

Commenti disabilitati su Carlo Malinconico: le ragioni del SI al Referendum Costituzionale

Federico Cervellini’s current job and responsibilities

Commenti disabilitati su Federico Cervellini’s current job and responsibilities

Create Account



Log In Your Account